Il magico suono della foresta

I suoni che ci circondano diventano familiari. In città, dunque, non facciamo quasi più caso alla sirena delle ambulanze o della polizia, al trambusto del traffico, allo stridio dei freni o allo sferragliare dei tram. Tutto diventa parte del nostro ambiente. L'auto che sfreccia veloce con i finestrini abbassati e la radio "a palla",  le urla... Continue Reading →

Le parole sono pietre

Un buon numero di senatori italiani ha salvato dall'accusa di incitazione all'odio razziale un loro collega che ha dato dell'orango a una stimata signora, anche lei italiana, medico ed ex ministro della Repubblica, dalle origini africane. Erano, questi salvatori improvvidi, eletti un po' in tutti i partiti dello spettro politico. Forse un orango delle foreste... Continue Reading →

Panem et circenses

Chi ha fatto studi più o meno classici ricorda questa frase delle X satira di Giovenale che si riferiva alla pratica, utilizzata da chi governava e in auge nell'antica Roma, di distribuire gratuitamente il grano e di promuovere sempre più spettacolari giochi nel circo per acquistare il favore del popolo. Panem et circenses oggi, invece, è anche... Continue Reading →

Lookism e anti-lookism

Un tempo, forse per consolarsi, si diceva che la bellezza sta negli occhi di chi la guarda. Oggi sembra proprio che le cose non stiano più così. Nella società dell'apparire piuttosto che dell'essere "la Bellezza" è una categoria universale. Ecco ad esempio, perché i commessi della catena di negozi di una nota marca americana sembrano... Continue Reading →

Di alpinisti e stilisti

A Milano è la settimana della moda! Tra capelli colorati e barbe da scapigliati ottocenteschi ci si diverte. Per vedere cosa gira di nuovo si passa dai soliti negozi e in uno di questi, a Corso Como, si trova il nome di un alpinista ardito degli anni trenta del novecento, collegato a quello di una... Continue Reading →

Tiffany Chung, il fascino dell’atrocità

Cosa accade quando un artista legge, o meglio rilegge la realtà circostante puntando il dito sulle catastrofi ambientali, le crisi umanitarie, i conflitti, le migrazioni? Accade che tutto ciò che la storia ci mostra e che noi leggiamo sulle pagine dei giornali, spesso lasciando che ci scivoli addosso, rimane invece come cicatrice viva sulla pelle di... Continue Reading →

L’arte può essere un gioco?

L'arte contemporanea può proporsi come esperienza accessibile e a tutti? Ci sono artisti che ci credono più di altri: una di questi è Claire Ashley. L'artista, scozzese di nascita, vive e lavora ormai da anni a Chicago; è una performer, pittrice e scultrice. Lavora con i colori come lavorerebbe un'artista di street art, ma i... Continue Reading →

Burkina Faso in lotta per la democrazia

Un golpe militare in Burkina Faso, nei giorni scorsi . La guardia presidenziale , il solito corpo di pretoriani associati ai benefici del potere di un presidente che nonc'è più, sente odore di cambiamento: il governo civile succeduto ai tumulti del 2014 (che favorirono la cacciata di un presidente impresentabile in carica da 25 anni)... Continue Reading →

ALTERNATIBA LÉMAN

Le Alternatiba sono, come recita il sito Web, dei "villaggi di transizione verso il mondo di domani". L'origine di questa manifestazione che si terrà a Ginevra nel prossimo week end risale al 2013 quando a Bayonne, Francia, all'indomani della pubblicazione del 5° rapporto del GIEC (Groupe d'experts intergouvernemental sur l'évolution du climat) sui cambiamenti climatici,... Continue Reading →

Creato su WordPress.com.

Su ↑