In partenza…

Anche quest'anno è arrivata l'ora delle vacanze. Noi siamo quasi pronte. Auguriamo a tutti un periodo di meritato riposo.  Del resto "se uno passasse un anno intero in vacanza, divertirsi sarebbe stressante come lavorare" (William Shakespeare)

Benedetta la scuola pubblica

Mi è capitato, stamani, di accompagnare a scuola una bambina curda, figlia di rifugiati, arrivati qui in Svizzera tre mesi fa, senza niente a parte il desiderio di rifarsi una vita. La bambina è stata inserita nella scuola pubblica e proprio oggi partecipava alla prima gita scolastica. Niente di che: un giro da queste parti.... Continue Reading →

Art Basel 2016

Solo immagini oggi, un piccolo assaggio per mostrare quella parte della fiera d'arte contemporanea di Basilea, che si rivela sempre la più interessante: Unlimited, il luogo in cui vengono raccolti i "grandi nomi", che per i comuni mortali sono da "guardare" (con ammirazione e un tocco di invidia per chi può permetterseli) e "non toccare". Curata... Continue Reading →

A Calais

Lo scrittore Emmanuel Carrère l’ho scoperto da quando vivo in Svizzera, attraverso il suo libro sulla storia del dissidente russo Eduard  Limanov. Poi quest’estate ho letto una storia delle origine del cristianesimo: il Regno. La sua scrittura, il suo modo di farmi entrare nelle storie sue personali e degli altri, mi piace così tanto che... Continue Reading →

Get a life

L’altro giorno i giornali italiani hanno riportano notizia del progressivo invecchiamento della nostra popolazione: età media a 44 anni, declino delle nascite e un saldo negativo tra nuovi nati e morti. Mi viene in mente che il medesimo dato per molti paesi africani è al di sotto dei 18 anni. Paesi giovani, cioè pieni di... Continue Reading →

Cammina cammina

A me piace camminare. Ogni occasione è buona per farlo, e cosi’ dovevano pensare i nostri maggiori, che usavano il camminare anche per tante manifestazioni di devozione. Processioni, rogazioni, pellegrinaggi: tutti consistevano nell’esprimere un sentimento religioso mettendosi in cammino. Da piccola, i miei mi portavano alla Via Crucis: si snodava sulle colline di casa, con... Continue Reading →

Tea time

Vi siete mai chiesti perché gli inglesi bevono tanto tè? Perché preferiscono questa bevanda invece di bere come il resto del mondo il caffé? La Uk tea and infusion Associaton (si perché esiste veramente) stima che gli inglesi bevano 900 tazze di tè all'anno a testa, un vero e proprio mare di tè (tanto che... Continue Reading →

E se capitasse a voi?

Scegliete l’aggettivo che meglio descriverebbe il vostro stato d’animo se dopo, trent’anni, vi ritrovaste contattati dalla classe del liceo per entrare dentro un chat creata da loro per rimanere in contatto, senza però averli mai rincontrati prima? Sgomento. E’ stato il mio primo stato d’animo. Ma è durato molto poco perché in pochi minuti mi sono ritrovata... Continue Reading →

Team ROA, il nostro cuore batte per voi!

People Misenga, judoka, fuggito dalla Repubblica Democratica del Congo, attualmente residente in una favela di Rio de Janeiro; Jolande Bukasa, judoka, Repubblica Democratica del Congo, residente in Brasile dal 2013; Yusra Mardini, 18 anni, nuotatrice, Siriana di Damasco, oggi rifugiata in Germania a Berlino; Rami Anis, nuotatore, Siriano, attualmente in Belgio;  Yiech Pur Biel, campione... Continue Reading →

Creato su WordPress.com.

Su ↑