Ildegarda, l’aura e il canto gregoriano

Nel maggio 2012 Idelgarda di Bingen (1098 – 1179) è stata proclamata Dottore della Chiesa, perché, fra i suoi meriti, indicò alla chiesa dei suoi tempi come uscire dalla crisi in un periodo travagliatissimo. Su 35 Dottori della Chiesa riconosciuti dai cattolici solo 4 sono donne (Santa Teresa d’Avila, Santa Caterina da Siena, Santa Teresa di Lisieux e infine Santa Ildegarda di Bingen) e tutte sono state proclamate tali solo a partire dagli anni ’70…

Nella religione cristiana Dottore della Chiesa è un titolo che un Papa o un Concilio attribuiscono a quelle personalità religiose particolarmente illuminate che si sono distinte per riflessione teologica, divulgazione della dottrina e santità di vita.

Ma torniamo a Ildegarda. Nata da famiglia nobile, di salute estremamente cagionevole, fin dall’infanzia venne mandata in convento e affidata alle cure di una giovane monaca aristocratica, Jutta di Sponheim, prese i voti giovanissima (intorno ai 17 anni) e visse una lunga e laboriosa vita monacale, producendo non solo scritti di una lucidità encomiabile, ma anche musica sacra di una bellezza celeste.

Vi starete chiedendo a questo punto perché parlare oggi proprio di Ildegarda. Ne voglio parlare perché le sono particolarmente affezionata. Fa parte del mio bagaglio culturale e già ne conoscevo l’opera e ne rispettavo il lavoro prima ancora che fosse proclamata Dottore, ma soprattutto perché, nonostante la lontananza temporale, Ildegarda è un esempio di come una donna sebbene sola, malata, monaca, in un contesto assolutamente maschile possa far sentire la sua voce forte e chiara, portando avanti con lucidità la sua causa a dispetto di chiunque cerchi di metterle i bastoni fra le ruote.

Ultimo sgambetto fatto a questa eccezionale figura storica prima ancora che religiosa, in ordine di tempo, é la teoria secondo la quale Ildegarda soffriva di “scotoma scintillante” cioè dell’emicrania accompagnata dall’aura che provoca allucinazioni, quelle stesse allucinazioni che Ildegarda avrebbe scambiato per messaggi divini. Prima degli attacchi di emicrania infatti l’aura porta alla percezione di oggetti scintillanti o forme geometriche rilucenti con molti angoli, che in effetti potrebbero coincidere con le descrizioni della “pioggia di angeli” o della “Città celeste” fatte dalla santa. Le sue descrizioni della luce splendente di Dio piuttosto che della sua presenza luminescente sono tutte prove della effettiva possibilità di una patologia del genere, tanto che Oliver Sacks nel su libro sull’emicrania porta Idelgarda ad esempio, concludendo che molto probabilmente la santa soffriva di questo disturbo.

Come spesso accade è un problema che sta fra fede e scienza.

Ma quand’anche si stabilisca che le visioni di Ildegarda siano state in realtà allucinazioni, è altrettanto palese che questa patologia diede senso e forma alla sua vita e, a sua volta, seguendo la sua educazione e la sua profonda religiosità, tale malattia fu da lei innalzata spiritualmente, a dimostrazione di una forza d’animo e di una fede non comuni. Ildegarda rese la propria debolezza un’arma appuntita con la quale fustigò il malcostume della sua epoca. E in questo è da prendere ad esempio.

Un’ultima parola vorrei spenderla sulla musica da lei composta o meglio sui canti gregoriani attraverso i quali Ildegarda, diceva, ci si può avvicinare nel miglior modo alla divinità. Un canto, quello gregoriano che é una monodia strettamente legata ai testi sacri, una melodia che si fa preghiera e che tocca le più profonde corde del cuore. Provate ad ascoltare!

Che donna eccezionale!

2 risposte a "Ildegarda, l’aura e il canto gregoriano"

Add yours

  1. Come trasformare un difetto in una risorsa!! Grazie belle e competenti bloggers per i vostri contributi quotidiani!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: