Di monaci e sacrestani

monaco che si da fuocoEnzo Bianchi, priore della Comunità di Bose, ha pubblicato (su La Sampa del 16 dicembre) un bell’articolo sui monaci tibetani che si immolano nelle fiamme per protestare contro il genocidio cinese in Tibet. Bianchi ha giustamente inquadrato il gesto in un’antichissima tradizione del Buddismo : quella di asceti che si donano, attraverso un sacrificio estremo, per il bene degli altri. Al tempo stesso, pero’, il priore di Bose ha sottolineato come questo atto abbia una valenza non solo religiosa ma anche civile. I monaci testimoniano la volontà di difendere certi valori, come la libertà e il rispetto delle coscienze, a qualsiasi prezzo, ma nell’ambito di una scelta non violenta che addirittura cerca di estinguere il male compiuto su di essi con la scomparsa del proprio corpo.

Subito ne è nato un dibattito, con i soliti esponenti cattolici prontissimi a ribadire la posizione della Chiesa che, pur rispettando le motivazioni che hanno portato al gesto, disapprova che ci si tolga la vita. Questi sacrestani non si rendono conto che il priore di Bose non voleva interrogare la Chiesa, con le sue legittime posizioni, ma le coscienze di noi tutti sui genocidi e sulle ingiustizie del nostro tempo, in particolare su quelli compiuti in Tibet. Che poi il Tibet fosse al momento dell’invasione cinese una teocrazia è vero, ma che si debba per questo giustificare un genocidio è idiota anche solo pensarlo. In Svizzera, da noi, vivono in esilio tanti monaci tibetani e ci sono tante associazioni per i diritti e la libertà del Tibet. Che bello vivere in un posto che accoglie questo popolo coraggioso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: