Uscire dalla crisi

Un missionario comboniano vive per anni in una baraccopoli, occupandosi di alcuni tra gli ultimi del pianeta. Un amministratore pubblico italiano si barcamena nella confusione della nostra politica. Ci saranno due esperienze più diverse? Eppure proprio due persone così si sono unite col fine di scrivere un libro sulla crisi che stiamo attraversando. Indubbiamente un libro di attualità: se ne  parla molto di crisi, di questi tempi. E se ne parla con riferimento all’economia, che sembra non voler ripartire, ma anche con riferimento alla società, che deve trovare nuove forme di solidarietà e di convivenza, e alla cultura, che sembra non avere più una bussola, persa com’è negli orizzonti amplissimi dei nuovi mezzi di comunicazione.

E che avrà mai da dirci questa strana coppia su tutto questo? Ci propone qualche idea su come superare questa crisi partendo da un presupposto diverso. Per gli autori non siamo nel mezzo di un problema economico o sociale risolvibile con i criteri cui siamo abituati. Siamo di fronte a cambiamenti che sono qui per restare e che richiedono un nuovo approccio. In economia, tutto un sistema di produzione del valore sta cambiando. Nella società si deve cercare una forma di solidarietà, che sappia far fronte al fatto che si vivrà sempre, o almeno molto a lungo, gomito a  gomito con chi vede la vita in maniera radicalmente diversa da noi.

Tutto questo, per gli autori, discende da una crisi del nostro modello antropologico. Non si puo’ vedere solamente l’uomo al centro dell’universo, signore assoluto. Questo è da troppo tempo il nostro modello, che poi porta ognuno di noi a mettere se stesso al centro di tutto, col corollario di distruggere l’ambente e le relazioni fra gli esseri umani. Ma non regge più. Per gli autori, bisogna vederci in maniera nuova in questo mondo, come custodi di beni che sono più grandi di noi: il pianeta e il futuro dell’umanità. Se vediamo le cose in quest’ottica ci comportiamo diversamente: non cerchiamo più l’utilità, il profitto, immediati per le nostre azioni; piuttosto cerchiamo di capire prima di tutto l’impatto di queste ultime sui nostri simili e sull’ambiente.

Ciò ha implicazioni di ampia portata, a partire dal calcolare il profitto di un’attività economica non solo sulla base del valore immediato del ritorno dell’investimento ma anche sul guadagno o la perdita aggregata che provoca sulla comunità. Un tempo l’economia ci parlava di esternalità positive o negative per descrivere gli effetti delle attività economiche sull’ambiente esterno. Se ne cercava una misura. Magari si controbilanciavano quelli negativi (inquinamento, ad esempio) con la tassazione. Questa nuova ottica cerca invece di far sì che uno pianifichi i propri obiettivi prendendo subito in considerazione anche questi elementi, senza lasciarli da parte, per poi fornire una qualche riparazione forzatamente tardiva e parziale.

Ed è curioso vedere come il linguaggio di questi autori, a volte molto (un po’ troppo) filosofico, si avvicini per certi versi alle note sullo shared value di Michael Porter, il guru della competititvità di azienda, che recentemente è giunto a conclusioni simili. Ma il libro non si dilunga su nuove teorie economiche. Vuole anche essere una guida pratica su come uscire da questa crisi: cosa fare nella vita di tutti i giorni per rimettere pianeta e futuro comune al centro della nostra vita? Risparmiare l’acqua, usare meno energia, ridurre la quantità di Co2 implicita nelle nostre vite, favorire processi a basso impatto ambientale, mangiare organico e così via sono atti che ognuno può fare. Sembra che gli autori ci richiamino a un’etica della responsabilità, fatta da scelte quotidiane concrete. Scelte che comprendono anche l’attenzione per gli ultimi. Se la società nel suo inseme non è chiamata a partecipare, non v’è più benessere possibile.

In definitiva quella che loro propongono è una navigazione a vista, basata su un continuo cercare soluzioni, tenendosi tutte le possibilità aperte, anche se si sa dove si vuole andare: un mondo a misura di essere umano.

In questo l’esperienza in Africa del missionario è interessante. Il modo in cui gli abitanti delle baraccopoli sopravvivono è una forma di continua collaborazione informale, a schemi aperti: si cerca la via ogni giorno, collaborando assieme in maniera responsabile. In sociologia questo modo di procedere si chiama “informal open ended cooperation”. Nelle baraccopoli questo lo si fa di già. Si naviga a vista per scoprire come sopravvivere unendo le forze. Gli autori dicono che possiamo farlo anche noi. Per loro, sono le baraccopoli che stanno facendo la parte migliore della nostra storia.

Se si pensa che almeno il 30% dell’umanità vive in quella condizione, non c’è da stupirsene piu’ di tanto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: