Chifffon Cake e altre amenità…

SONY DSCPoiché da molto tempo non parliamo di cibo, abbiamo deciso di parlare della ricetta di un dolce delizioso: la Chiffon Cake. Poiché è consuetudine raccontare qualcosa in più a proposito delle ricette che vi proponiamo, abbiamo fatto qualche ricerca su questo dolce e l’attenzione ci è caduta su un fatto collaterale, che ci ha divertito e che qui vogliamo proporvi.

La storia della Chiffon Cake è molto semplice, pare infatti che un assicuratore californiano che si dilettava a fare il cuoco inventò questa torta, la caratteristica principale della quale è l’assoluta mancanza di burro. Il nostro assicuratore la inventò nel 1929 e non ne rivelò la ricetta fino a quando Betty Crocker, brand della General Mills, non gliela acquistò nel 1948.

E qui arriva il divertimento, perché infatti Betty Crocker, una delle più conosciute donne americane fra le due guerre, in realtà non è mai esistita. Mi chiederete la differenza tra la Betty Crocker americana e la Mariarosa del lievito Bertolini, è chiaro che si tratta di figure inventate. Tuttavia negli Stati Uniti la compagnia che faceva parte delle General Mills e che produceva farina, riceveva ogni anno migliaia di richieste di consigli da parte del pubblico, e la pressione fu così alta che alla fine venne deciso di creare una finta casalinga, che si occupasse di dare consigli e promuovere il suo brand, che portava il cognome di uno dei capi della compagnia e il nome Betty che doveva suonare dolce e affidabile, la cui firma (che ancora oggi compare sui pacchetti delle preparazioni per dolci) era stata realizzata da un’impiegata della compagnia. Nel 1921 a Betty fu data, oltre alla falsa identità, una voce radiofonica e uno show culinario tutto suo. Infine l’apoteosi fu raggiunta a partire dal 1938 quando un artista statunitense, Neysa McMein, sovrapponendo i visi di molte impiegate della compagnia creò l’immagine di Betty Crocker, immagine che nel corso del tempo è variata a seconda del gusto del momento (in 64 anni ben sette volte!). Secondo un sondaggio Betty Crocker, la casalinga pasticciera inesistente è stata una delle donne più famose d’America, la sua fama essendo seconda solo a quella di Eleanor Roosevelt… Pazzesco!

Ma ecco la ricetta

285gr farina,

300gr zucchero,

6 uova grandi,

195ml acqua

120gr olio semi (di mais è meglio, ma anche il girasole va bene),

1 bustina lievito dolci,

1 bustina da 8 grammi cremor tartaro,

un pizzico sale,

la scorza grattugiata di un limone,

una bustina o bacca di vaniglia

Amalgamare la farina, lo zucchero e i rossi delle uova con una frusta elettrica, aggiungere l’acqua, l’olio, il lievito, il sale, la scorza del limone e la bustina di vaniglia in modo da avere un composto abbastanza morbido e liscio. Dopo aver montato i bianchi con il cremor tartaro a neve ferma incorporarli stando attenti a che non si smontino. Preriscaldare il forno a 160 gradi. Versare il composto nell’apposita ciambelliera (che ha i piedini!) senza imburrarla e cuocere il tutto per 50 minuti a 160 gradi e per 10 minuti a 175. Al termine della cottura, senza paura girate la tortiera che rimarrà sollevata dal piano grazie ai piedini e attendete che la torta si stacchi da sola raffreddandosi.

La Chiffon Cake è pronta per essere ricoperta di zucchero al velo o glassa, quello che preferite, rimarrà morbida ed elastica per alcuni giorni proprio perché è stata impastata con l’olio e non con il burro. Buonissima e leggera come chiffon!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: