Una cercatrice d’oro: Elisabetta Salvatori

scalpiccii-sotto-i-platani-elisabetta-salvatori-ok-2

Ci sono persone che vivono per esplorare le emozioni del genere umano e che, soprattutto, hanno una capacità speciale di raccontarle.  Ne conosco una: è una cercatrice di storie che si chiama Elisabetta Salvatori . Lei cerca, ovunque, storie di vite dimenticate, o legate a fatti più o meno conosciuti, che per qualche motivo l’hanno colpita. Attorno a ogni nucleo di vita cosi’ individuato, si mette in cerca di notizie, di testimonianze,  riuscendo a scovare, come una vera e propria “cercatrice d’oro”, l’energia al fondo di ogni storia, ossia il groviglio di passioni che rendono il senso di una o più vite.  E quindi su ogni storia lavora assai, non solo perché – come dicevamo – incontra persone, raccoglie ricordi e visita luoghi, ma anche perché riscrive il tutto trasformandolo in uno spettacolo teatrale. I  monologhi che ne scaturiscono non sono testi recitati, ma racconti vivi e avvincenti legati alla sua parola, spesso accompagnata dalla musica . Chi l’ascolta non si accorge del tempo che passa, rimane in silenzio e viene trasportato su un tappeto volante fatto, appunto, di parole e ben più forte della realtà virtuale, di qualsiasi video o effetto speciale. Quando, poi, c’è il violino di Matteo Ceramelli a interagire con la sua voce, si vivono momento straordinari.download

Tra i suoi ultimi progetti è il lavoro intitolato “Piccolo come le stelle”, dedicato alla vita di Giacomo Puccini. Un racconto meraviglioso accompagnato dal violino di Matteo Ceramelli, capace di trasfondere profonde emozioni, assieme al desiderio di correre ad ascoltare le musiche del grande maestro toscano. Un altro spettacolo molto intenso è “Non c’è mai silenzio”. Nasce dallo strazio subito da coloro che ebbero parenti e persone care vittime della strage di Viareggio, nel 2013, quando un treno con materiali infiammabili esplose in stazione spazzando via un intero quartiere della città.

Cara cantastorie Elisabetta,  il tuo lavoro sulla memoria è un passo avanti per migliorare  la percezione delle nostre vite e aiuta questa umanità, troppo prona all’oblio, a vivere meglio. Ci ricordi quanto sia importante la dimensione emotiva legata alla memoria, in questa nostra vita troppo distratta.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: