7 marzo

imgres
Adrian Paci, Centro di parmanenza temporanea

1991, 7 marzo. 25 anni fa: il primo enorme arrivo di migliaia di persone in fuga dalla miseria. Avvenne a Brindisi, come ricorda il Fatto Quotidiano: 25,000 albanesi approdarono sulle nostre coste scendendo da una serie di carrette del mare (5/6.000 alla volta). Lo Stato era impreparato e arrivò con gli aiuti solo alcuni giorni dopo. Mi ricordo benissimo di quei momenti e di quelle immagini in televisione: eravamo sconvolti nel vedere un paese in disfacimento, che si trasferiva in Italia. Mi ricordo anche che era un’altra Italia. C’era ancora la classe di governo della prima Repubblica: gli Andreotti, i Martelli, totalmente impreparati all’emergenza. Perché veniva da un cambiamento mondiale da loro non compreso. Il comunismo finiva e noi di quel paese chiuso per decenni non sapevamo proprio niente.

adrian-paci-art
Adrian Paci

Ma la gente di Brindisi si attivò per dare da mangiare e ospitalità a chi aveva attraversato il mare. Il sindaco di Brinidisi, Giuseppe Marchionna, come ricorda Il Fatto, fu eccezionale: fece diffondere un messaggio alla radio ogni 15 minuti. Diceva: hanno solo fame e freddo. E si gettò per la strada a gestire l’emergenza. Tanto bastò e un’intera città si dette da fare: chi passava il cibo dalle finestre, chi offriva una stanza a una mamma coi bambini. Col tempo si integrarono nella società italiana, tanti di quegli albanesi. Uno lavora ormai da tanti anni nella fattoria dei miei, dove vive con la sua famiglia.

Oggi siamo impauriti dalle masse di disperati che arrivano da noi. La nostra classe politica è stata di nuovo cieca: hanno visto poco di ciò che accadeva alle nostre porte, sino a che la gente non è partita in massa. La gente è piu impaurita, è vero. Eppure non sono mancati gli esempi di solidarietà, anche nelle istituzioni locali. Il sindaco di Lampedusa, la signora Giusi Nicolini, è uno degli eroi di oggi. Di nuovo: chi ha il compito di gestire lo Stato vede poco lontano, chi si trova sul campo fa la sua parte. Sembra una costante della nostra storia.

Annunci

One Comment

Add yours →

  1. E’ un pensiero continuo che alterna nella gente altruismo e paura… (Come tu dici.)
    E’ bellissimo l’episodio che hai raccontato , e ci fa capire (o solo ci fa conoscere) le difficoltà di questa situazione e la cecita’ (continuo a citarti)di chi sarebbe preposto a trovare una soluzione possibile. Mah!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: