Sol LeWitt Between the Lines

 

cdcfd4bd1abe7d0b20001fe9869d9c93_XL

 

 

-“Cosa possiamo fare ?” – “Mah, potremmo andare a vedere la mostra di Sol Lewitt”. Dialogo preso dal film Manhattan, ambientato nella Grande Mela degli anni settanta del novecento. Mi è tornato in mente visitando, appunto,  la mostra di Sol Lewitt,  aperta a Milano, alla fondazione Carriero, a cura di Francesco Stocchi e Rem Koolhaas. L’esposizione è un incanto, sia per le opere ivi riunite, sia per il modo in cui è allestita negli spazi, non grandi, della Fondazione. Un pensiero vi accompagna per tutta la visita dei tre piani del palazzo: il dialogo della geometria, le forme essenziali geometriche che vengono messe a nudo raccontano lo scheletro della storia dell’arte. “Il quadrato e il cubo- ci ha spiegato bene l’artista- non hanno la potenza espressiva di altre forme” e per questo “ liberati dalla necessità di essere significativi di per sé” divengono “congegni grammaticali da cui prendere l’avvio all’opera” . E’ questo che succede quando vedi le opere di Sol Lewitt: sei portato a pensare non a ciò che provi ma cosa sottintende un atto artistico, quali sono i meccanismi che fondano l’arte e quali sono tutte le sue potenzialità.

E davvero ottima è  la selezione delle opere. Le structures bianche e nere, i wall drawings composti di linee tracciate sui muri,, seguono un unico pensiero: indagare, riflettere, sul processo che costituisce l’arte.

Annunci

One Comment

Add yours →

  1. Sol Lewitt è un gigante!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: