Passo dopo passo

camminare 2

“Non posso che meditare camminando” scriveva Jean Jaques Rousseau nel nono libro delle sue Confessioni-non appena mi fermo smetto di pensare, la mia testa non procede che con i mie piedi” ( dal libro di Robert Macfarlane, Le antiche vie, Einuadi 2103).
Da un paio di anni ho fatto una scoperta che mi ha cambiato la vita: camminare. Non sono un tipo atletico, tutt’altro; ma per caso e senza saperlo camminare mi ha aiutato a superare momenti difficili e a cancellare pensieri sgradevoli.
I sentieri “nutrono e rallegrano lo spirito ”.

festival
Forse anche per questo mi sono subito incuriosita per l’annuncio del Festival del camminare, che si terrà a Bolzano nei giorni che vanno dal 23 al 25 maggio. Un festival molto interessante in cui i camminatori non avranno modo solo di approfondire la propria passione dal punto di vista pratico dell’escursione ma potranno anche riflettere sulla filosofia e l’arte del camminare. Chi vuole al festival ci può anche arrivare a piedi. Ma nel programma, oltre a conferenze workshop e proposte di passeggiate, si terrà anche il raduno europeo delle joelettes che, non sapevo, sono le carrozzelle da fuori-strada che permettono ai disabili di partecipare alle escursioni in montagna.
Se poi al piacere personale di sentire le vostre suole aderire al sentiero, unite quello di leggere letteratura da viaggio, vi consiglio senz’altro di leggere i racconti dello scrittore-camminatore inglese Robert Macfarlane (Il volume Le antiche vie, elogio del camminare, Einuadi, 2013): “camminare per favorire la vista e il pensiero, e non il ritiro e la fuga; i sentieri non solo come mezzi per attraversare gli spazi, ma anche come vie per sentire, per essere, per conoscere” .

Richard Long, A Circle in the Andes
Richard Long, A Circle in the Andes

Infine se assieme al camminare la vostra curiosità va anche all’arte vi segnalo un artista anch’egli inglese, Richard Long, disegnatore del territorio, esponente della Land Art, che ha fatto del suo passo lo strumento per realizzare le sue opere d’arte. L’artista cammina e cammina in luoghi deserti, raccoglie pietre e le dispone in forme geometriche primarie, come strisce o cerchi, e lascia le sue tracce che si confondono con la natura.

Annunci

2 risposte a "Passo dopo passo"

Add yours

  1. Rousseau continua il suo camminare riflessivo con “Le passeggiate del sognatore solitario” che tanto aiutano a scoprire il nostro sentiero interiore. Se non bastasse Antonio Moresco, scrittore contemporaneo, ha fondato la Repubblica nomade che è tutto un programma. Buona camminata!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: