Un viaggio nel Centre d’Art Contemporain di Ginevra

Giorgio Griffa,
Giorgio Griffa, verticale policromo

Nel campo dell’arte contemporanea esistono diversi tipi di “musei”  e metto il termine tra virgolette perché non sempre adatto alla sfera del contemporaneo. Nel museo si raccolgono -almeno nell’immaginario collettivo- opere storiche, tanto è vero che se qualcuno ti definisce “un pezzo da museo” ti devi considerare una persona vecchia e antiquata.

I musei d’arte contemporanea comunque hanno collezioni permanenti e svolgono un importante ruolo nel preservare il nostro passato prossimo. La tipologia invece più dinamica e propositiva è data dai centri d’arte contemporanea, le Kunsthalle del mondo tedesco: spazi dove generalmente si lavora con uno spirito di ricerca, indagine e promozione di artisti nuovi e poco conosciuti.

Giorgio Griffa,
Giorgio Griffa, Dall’Alto, 1968

In questo momento, a Ginevra, il Centre d’Art Contemporain presenta due mostre che saranno aperte fino ad agosto entrambe molto interessanti. Una dedicata all’artista italiano Giorgio Griffa e il secondo dello svizzero Reto Pulfer.

La mostra di Giorgio Griffa per me è stata una bella scoperta; non è artista giovane ma il suo lavoro lo conoscevo poco (ricordo di aver visto un opera esposta al Museo del Novecento di Milano).

Il lavoro di Griffa mi ha riportato indietro negli anni Sessanta quando l’arte italiana era un centro propulsore di ricerche e colloquiava con il linguaggi dell’avanguardia. Il suo lavoro composto come si legge bene nel pannello esplicativo della tela è fatto di tre elementi: la tela, il tocco e il colore.

La tela è svuotata da tutti i valori del quadro, non è delimitata dalla cornice si presenta invece come un modulo ripetibile all’infinito su cui lasciare la traccia del colore, sia essa verticale o orizzontale. La traccia lasciata non risente della pressione fatta dalla mano dell’artista ma è leggera impersonale.

Lo spazio invece dedicato a Reto Pulfer è un’unica grande installazione: un percorso dove il colore delle grandi tende vi trasporta in un altro luogo, o meglio in un viaggio dentro le annotazioni dell’artista.

Reto Pulfer
Reto Pulfer, Dehydriere Landschaft

La sua poetica ricorda l’universo dada e la convinzione che l’arte tocca tutti i campi della vita l’avvolge come il Merzabau perduto di Kurt Schwitters. L’opera però mi ha ricondotto anche verso l’energia dell’art brut, ovvero a quel linguaggio dell’arte sempre capace di rigenerarmi e di aiutarmi a ritrovare uno slancio nel vivere quotidiano.

Il Centro termina al terzo piano con un piccolo scrigno, la saletta cinema Dynamo. A me piace andarci senza sapere cosa incontrerò, mettermi a sedere e lasciarmi spiazzare, in questo caso era domenica e ho trovato un video di Emilie Jouvet (regista, fotografa francese). Il video era dedicato all’incontro e ai differenti orientamenti sessuali. Ho assistito ad un lungo carosello di baci dove passione, imbarazzo, ardore e sfrontatezza tracciavano il variegato modo di mostrare i nostri sentimenti davanti ad una telecamera.

Insomma ho fatto un viaggio in tre piani diversi dell’edificio, ognuno di essi aveva un sapore diverso. Come sempre mi sono divertita e lo suggerisco a tutti gli italianintransito.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: