Scaldate i motori

Jeff_Koons_The_Price_of_Everything.jpg
Scena dal film documentario The Price of Everything

Mentre galleristi, collezionisti, consulenti e artisti si scaldano in vista  dell’apertura di due fiere dell’arte contemporanea che si terranno quasi negli stessi giorni a Bologna  e a Ginevra, ha inizio febbraio, una cara amica mi ha fatto notare che quest’anno al Sundance Film Festival, dedicato al cinema indipendente americano, è stato presentato un documentario sul mondo dell’arte contemporaneo dal titolo The Price of Everything, regia di Nathan Kahn . Il  documentario è un’indagine  sul sistema che ruota attorno  all’arte e cerca di comprendere le implicazioni del legame  tra successo, denaro e il desiderio di possesso. Il titolo è ripreso da una frase di Oscar Wilde nella commedia Il ventaglio di Lady Windermere , pronunciata da Lord Darlinghton: egli afferma che “ una persona cinica è colui che conosce il prezzo di ogni cosa ma il valore di niente”.

Il regista è partito dagli artisti – tra cui Jeff Koons, Gerhard Richter – e dal confronto che devono sostenere con il mercato dell’arte in una società come la nostra, dove tutto si compra e tutto si vende. I temi sono giusti per questi tempi e il documentario sembra molto promettente e pungente. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: